COS’È E COME SI CALCOLA L’IMPOSTA DI REGISTRO? UNA GUIDA PRATICA.

L’imposta di registro, come suggerisce il nome, è una tassa che deve essere corrisposta per ottenere la registrazione di un atto all’interno di un registro ufficiale.

Questa tassa ha un duplice scopo: fornisce un’entrata fiscale e remunera lo Stato per il servizio offerto ai privati, vale a dire conservare traccia di particolari atti in modo da conferire loro certezza giuridica.

L’imposta di registro riguarda infatti atti di notevole importanza, relativi a beni che necessitano di essere protetti, in modo che nessuno, oltre ai legittimi proprietari, abbia modo di vantare interesse o pretese su quello specifico bene.

L’imposta sulla registrazione degli atti è disciplinata dal Decreto del Presidente della Repubblica n. 131/1986 (Testo Unico dell’imposta di registro).

Quali sono gli atti che necessitano l’imposta di registro?

Come riportato dal sito dell’Agenzia delle Entrate, gli atti che devono essere registrati e richiedono dunque il pagamento dell’imposta di registro sono:

  • gli atti formati per iscritto nel territorio dello Stato;
  • gli atti formati all’estero, che comportano trasferimento della proprietà o costituzione/trasferimento di altri diritti reali, anche di garanzia, su beni immobili o aziende esistenti in Italia, nonché quelli che hanno per oggetto la locazione o l’affitto degli stessi;
  • contratti verbali di locazione o affitto di beni immobili esistenti in Italia (e relative cessioni, risoluzioni e proroghe anche tacite);
  • i contratti di trasferimento e affitto di aziende esistenti nel territorio dello Stato e di costituzione/ trasferimento di diritti reali di godimento sulle stesse (e relative cessioni, risoluzioni e proroghe anche tacite).

Come si calcola l’imposta di registro.

Per calcolare l’imposta di registro è necessario conoscere il valore catastale dell’immobile, reperibile sulla visura catastale. Questo dato deve essere moltiplicato per 1,05 prima e successivamente per 120. L’imposta di registro dovuta risulta dunque pari al 9% del prezzo-valore così ottenuto, arrotondato a € 1.000,00 se inferiore. Per la prima casa l’imposta di registro è agevolata ed è pari al 2% e non al 9 per cento.

Fonte | Immobiliare.it

Partecipa alla discussione

Compare listings

Confrontare
INFORMATIVA e consenso
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.

Candida il tuo immobile

In MC HOUSE GROUP vogliamo sempre portare a termine le nostre collaborazioni e per questo ci teniamo a valutare l’immobile sotto l’aspetto economico e temporale, in maniera da poterti dare un riscontro reale tra le tue esigenze ed i valori del mercato immobiliare attuale.