Esenzione IMU abitazione principale: come funziona la nuova norma.

Se sia costituzionale oppure no, ancora non si sa. Certo è che la nuova norma sull’esenzione IMU per l’abitazione principale è ormai in vigore dal 21 dicembre 2021 e va rispettata per non incorrere in sanzioni. Ecco chi è coinvolto nella modifica.

IMU abitazione principale: la normativa 2022

Date le numerose disquisizioni, per il 2022 il MEF ha deciso di rivedere l’art. 1, comma 741 della legge n. 160 del 2019 cui fa capo l’esenzione IMU sull’abitazione principale, e renderla effettiva come di seguito:

[…] Nel caso in cui i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi situati nel territorio comunale o in comuni diversi, le agevolazioni per l’abitazione principale e le relative pertinenze in relazione al nucleo familiare si applicano per un solo immobile, scelto dai componenti del nucleo familiare.

Questo per uniformare la norma che, inizialmente poco specifica, lasciava un vuoto e rendeva facile aggirare il pagamento dell’IMU sulla seconda casa del nucleo familiare.

Coniugi e IMU abitazione principale: come funziona nel caso di separazione

Dunque, l’esenzione IMU 2022 si applica sull’abitazione principale in cui il proprietario della casa e il suo nucleo familiare risiedono anagraficamente e dimorano abitualmente, purché questa non rientri in una delle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, ovvero quelle delle case definite “di lusso”.

Tutto chiaro finché consideriamo i coniugi uniti in matrimonio. Ma cosa accade in caso di separazione? Spieghiamolo con un esempio:

Luca e Lucia sono legalmente separati o divorziati. La casa appartiene a Luca, ma viene assegnata a Lucia in quanto affidataria dei figli. Lucia acquisisce così un diritto di abitazione, pertanto è legalmente dimostrato dalla sentenza che il suo domicilio coincide con la residenza. In concomitanza, l’esenzione dall’IMU (o il pagamento dell’IMU in riferimento a una casa di lusso) sarà attribuita a Lucia benché il proprietario della casa sia Luca, il quale, nel frattempo, avrà comprato una nuova casa, in cui trasferirà residenza e dimora. Sebbene quest’ultima sia per Luca una seconda casa di proprietà, il fatto che Lucia sia abitante della prima e che dunque lui non possa usufruirne, lo esonera dal pagamento dell’IMU.

IMU abitazione principale e residenza

Una casa senza residenza non è considerata un’abitazione principale: come detto, ad oggi, ai fini dell’esenzione IMU, residenza e domicilio devono necessariamente coincidere per il proprietario della casa e il suo nucleo familiare. Dunque, l’IMU sarà sempre dovuta nel caso in cui il requisito di coincidenza venga meno.

Fonte Idealista – 06/06/2022

Partecipa alla discussione

Compare listings

Confrontare
INFORMATIVA e consenso
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.

Candida il tuo immobile

In MC HOUSE GROUP vogliamo sempre portare a termine le nostre collaborazioni e per questo ci teniamo a valutare l’immobile sotto l’aspetto economico e temporale, in maniera da poterti dare un riscontro reale tra le tue esigenze ed i valori del mercato immobiliare attuale.